Un percorso partecipativo, pensato per coinvolgere enti, istituzioni, associazioni, esercenti e cittadini e ideare insieme delle strategie di regolamentazione del gioco d’azzardo e di contrasto ai disturbi ad esso correlati: è questo l’obiettivo del progetto finanziato dalla Regione Toscana “Regoliamo insieme il gioco d’azzardo”, con il sostegno dell’Autorità regionale per la Garanzia e promozione della Partecipazione e realizzato dal Coeso Società della Salute e dalla società Simurg Ricerche.

Il progetto sarà presentato giovedì 2 dicembre, dalle 15 alle 17, in un incontro online al quale tutti gli interessati possono partecipare compilando il modulo di adesione reperibile a questo link: https://bit.ly/GapCoeso.

L’intento è quello di regolare il gioco d’azzardo, promuovendo anche azioni di sensibilizzazione e informazione che possano mettere in guardia sui rischi connessi e, allo stesso tempo, indirizzare le persone che hanno bisogno verso professionisti che possono aiutarli a superare la difficoltà.

All’incontro del 2 dicembre, quindi, tante voci concorreranno ad illustrare il percorso partecipativo: dopo i saluti di Marcello Giuntini, sindaco di Massa Marittima e presidente di Coeso Società della Salute, la parola passerà al direttore Fabrizio Boldrini per una breve introduzione. A presentare il progetto sarà Massimiliano Marcucci, del Coeso SdS e a seguire sono previsti gli interventi di: Andrea De Conno, Federsanità Anci Toscana dal titolo “Il piano di contrasto regionale al disturbo da gioco d’azzardo: le linee di intervento”; Massimiliano Faraoni, Simurg Ricerche, “I dati 2020 dell’azzardo nei Comuni della Zona distretto; Andrea Biondi, sindaco di Gavorrano e componente del direttivo di Avviso Pubblico, che parla de “Il ruolo dei Comuni della Zona nella regolamentazione dell’azzardo”; Sonia Cerulli, referente Gap per il Serd di Grosseto, “Il piano provinciale di contrasto all’azzardo e i percorsi terapeutici nel servizio sanitario”.

Dopo l’incontro di presentazione saranno calendarizzati altri momenti di confronto e scambio propedeutici alla definizione di un piano.

Per maggiori informazioni sul progetto è possibile visita il sito www.coesoareagr.it/progetti/regoliamo-insieme-lazzardo/ o il sito https://partecipa.toscana.it/web/regoliamo-insieme-l-azzardo-2/home

Lo riporta ilgiunco.net.