Avrebbe dovuto essere la sede di un’associazione sportiva dilettantistica, ma si trattava invece di una sala biliardo non autorizzata.

A scoprire un vero e proprio luogo di ritrovo per pregiudicati sono stati gli uomini della Squadra di Polizia Amministrativa della Questura di Messina nel corso dell’attività di controllo su tutto il territorio al fine di garantire idonei livelli di sicurezza.

Appurata che l’attività mancava di autorizzazione (ex art.86 del TULPS) i poliziotti hanno proceduto a contravvenzionare il gestore dell’esercizio, con precedenti di polizia a suo carico, con sanzione amministrativa pari ad euro 3.000,00. E’ stata pertanto disposta la cessazione dell’attività di sala da gioco abusivamente condotta. Accertata altresì la presenza di pregiudicati all’interno della sala da gioco.