slot

La Sardegna dice no al gioco d’azzardo patologico. Lo fa sulla spinta del vasto movimento di opinione creato da ‘Azzardopatia – Scommettiamo su di te’, progetto di sensibilizzazione dell’associazione Crew di Sassari, finanziato dall’assessorato regionale dell’Istruzione e sostenuto da numerosi Comuni in tutta l’isola col supporto della rete Movimento No Slot.

L’iniziativa è partita da Alghero, che lo scorso luglio ha ospitato il primo degli incontri previsti in tutto il territorio isolano. Una scelta non casuale: il Comune di Alghero ha sfidato per primo il vuoto normativo con un’ordinanza che individua i luoghi sensibili e fissa le distanze consentite per installare sale giochi e slot. Esattamente ciò che si chiede alla legge regionale, e ora il sostegno al progetto Azzardopatia – Scommettiamo su di te dichiarato da numerosi consiglieri regionali si concretizza: ieri la sesta commissione ha iniziato a discutere le proposte di legge per il contrasto dell’azzardopatia. La Sardegna ancora non ha una legge che regolamenti il settore e limiti l’installazione di slot machine o altri giochi d’azzardo vicino ai luoghi sensibili.

Al momento sono al vaglio la proposta di legge 56 del 16 giugno 2014, primo firmatario il consigliere Francesco Agus, la proposta di legge 280 dell’11 novembre 2015, primo firmatario l’ex consigliere Salvatore Demontis, e la proposta di legge 514 del 23 maggio di quest’anno, prima firmataria la consigliera Daniela Forma. Il percorso avviato ieri in commissione punta ad arrivare quanto prima a una legge che contemperi le esigenze legate a prevenzione e contrasto del gioco d’azzardo patologico e cura dei disturbi, anche sociali, che produce.

La notizia che l’iter per l’approvazione della legge regionale è partito arriva proprio alla vigilia dell’avvio delle azioni che Crew ha ideato per coinvolgere le scuole della Sardegna. Col supporto del Movimento No Slot, ieri è iniziata l’indagine sulla percezione della dipendenza da gioco d’azzardo tra gli adolescenti sardi. Simone Feder, coordinatore nazionale di Movimento No Slot, ha visitato con i promotori del progetto gli istituti superiori di Iglesias e Nuoro.

Non solo. Domani si parte anche con il tour dei Comuni. Il 28 settembre Azzardopatia – Scommettiamo su di te sarà alle 10 a Cossoine e alle 18.30 a Thiesi. Alla fine gli incontri pubblici saranno trenta, venti gli istituti scolastici coinvolti con istituzioni e operatori del settore. A iniziare dalla Comunità Mondo X per il recupero dalle dipendenze. Alla fine di novembre l’evento conclusivo della campagna sarà a Sassari.

Tra le azioni varate da Azzardopatia – Scommettiamo su di te ci sono anche la creazione del marchio per un consapevole cambio di approccio al contrasto del gioco d’azzardo, il lancio del sito www.azzardopatia.it e la campagna di affissioni. Il percorso conta anche sul minitour di XDente, spettacolo teatrale il cui protagonista è un giocatore patologico. Scritto da Michele Vargiu per la regia di Chiara Murru, sarà portato in scena dai due con Maurizio Pulina. Alle fasi finali anche i due concorsi, uno per i professionisti e uno per le scuole, per realizzare un video da diffondere sui social, sui media e sui mezzi di trasporto pubblici.

Commenta su Facebook