“E’ stato sviluppato un sistema che, sfruttando quello legale e nascondendosi dietro il paravento di punti scommesse autorizzati, aveva avviato un’attività di scommesse illegali, gestite di fatto da bookmaker con sede a Malta e in paradisi fiscali, che permettevano vincite…

Per leggere questo articolo

Accedi o registrati