L’International Tennis Integrity Agency (ITIA) ha confermato che il tennista kazako Roman Khassanov è stato bandito dallo sport per 10 anni dopo aver ammesso molteplici violazioni delle regole del Tennis Anti-Corruption Program (TACP). Oltre al divieto, Khassanov è stato multato di $ 100.000, di cui $ 75.000 sospesi.

I reati si sono verificati tra il 2014 e il 2018 e Khassanov, che ha raggiunto la posizione 671 nella classifica ATP del singolo, ha ora il divieto di giocare, allenare o partecipare in altro modo a qualsiasi evento di tennis autorizzato o riconosciuto dagli organi di governo del tennis per 10 anni, a partire dal 9 maggio 2021.

Il caso è stato trattato nell’ambito della “Proposta di disposizione” del TACP del 2021. Ciò consente di comminare una sanzione tramite l’ITIA al giocatore al momento dell’ammissione di colpevolezza, senza la necessità di un’udienza.