Chiuse le indagini dell’operazione “Cesare” sui nuovi assetti del clan Galli di Giostra, tra i cui interessi figuravano anche le corse clandestine di cavalli e le scommesse illecite su di esse. Il blitz dei carabinieri del comando provinciale di Messina scattò a novembre 2020. A conclusione delle indagini sono 23 gli indagati destinatari dell’avviso inviato dai sostituti procuratori della Direzione distrettuale antimafia di Messina. Tra i reati contestati, quelli per associazione mafiosa e organizzazione di corse clandestine di cavalli con scommesse illecite.

Il gruppo, secondo l’accusa, gestiva il business delle scommesse illecite sulle corse clandestine di cavalli che si svolgevano di notte sulle strade cittadine. Le competizioni erano organizzate anche nel catanese grazie ai contatti con esponenti della criminalità organizzata catanese e messinese vicina al clan Santapaola.