Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) La decisione arriverà il prossimo 25 giugno, intanto è stata rinviata al prossimo 18 giugno l’udienza nella quale il giudice Elvira Tamburelli dovrà decidere se mandare a processo una decina di persone tra cui l’ex presidente della Camera Gianfranco Fini, la sua compagna, Elisabetta Tulliani, il fratello Giancarlo, attualmente a Dubai, e il padre Sergio, Francesco Corallo. L’accusa per loro è di riciclaggio transnazionale .

Tra le operazioni al centro dell’indagine anche la vendita della casa di Montecarlo, già di proprietà di An, che sarebbe stata acquistata, secondo l’accusa, da Giancarlo Tulliani attraverso società off-shore con i soldi dell’imprenditore Corallo. Una spesa effettuata nel 2008, per poco più di 300mila euro, mentre la cessione dell’immobile, nel 2015, fruttò un milione e 360mila dollari. Nel febbraio 2017 gli accusati sono stati colpiti da un decreto di sequestro preventivo emesso dal giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Roma con riferimento ai reati di riciclaggio, reimpiego ed autoriciclaggio posti in essere dal 2008. Il profitto illecito dell’associazione, oggetto di riciclaggio, una volta depurato, è stato impiegato da Francesco Corallo in attività economiche e finanziarie, nonché in acquisizioni immobiliari.

La richiesta di rinvio a giudizio riguarda tra gli altri anche l’ex parlamentare di An e di Forza Italia Amedeo Laboccetta, accusato di associazione per delinquere.

Commenta su Facebook