A Rottofreno (PC) presentato il primo ricorso al Tar contro l’ordinanza di chiusura di sale slot e centri scommesse troppo vicini a “luoghi sensibili” come scuole, centri sportivi o religiosi.

La richiesta, avanzata da una sala slot, è di sospendere l’applicazione del provvedimento del primo cittadino, in attesa di valutarne la legittimità. Intanto a Piacenza è andato a vuoto il bando che assegnava fondi per la valorizzazione dei locali slot free attraverso iniziative culturali e di aggregazione. L’unica proposta arrivata è risultata non valutabile.

Commenta su Facebook