Aveva adibito un centro di scommesse su competizioni sportive a centrale di spaccio di cocaina, un ventiseienne romano è stato arrestato dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma, trovato in possesso di 80 dosi di cocaina per un totale di circa 50 grammi.

Advertisement

Ad insospettire i militari del 3° Nucleo Operativo Metropolitano i vetri oscurati del portone di ingresso della sala scommesse e il meccanismo di accesso ai locali, consentito dal gestore dopo aver azionato un campanello.

Il continuo andirivieni di persone e la breve sosta di alcuni di essi ha insospettito le Fiamme Gialle, inducendole ad irrompere nell’esercizio ove hanno rinvenuto, all’interno di una stampante per l’emissione delle ricevute di gioco e di una confezione di pasta, le dosi di cocaina pronte per lo smercio, oltre a un bilancino di precisione e a denaro contante, verosimilmente provento dell’attività illecita.

Il giovane, incensurato, è stato arrestato e posto a disposizione della locale Autorità Giudiziaria. L’operazione rientra nei quotidiani servizi di controllo del territorio predisposti e coordinati dal Comando Provinciale di Roma.