La Corte d’Appello svedese ha annunciato una sentenza nel caso tra Casino Cosmopol AB e Spelinspektionen in merito alle violazioni delle norme antiriciclaggio. Il tribunale intende respingere i ricorsi e conferma la penale comminata di 3 milioni di SEK.

In una decisione del novembre 2018, l’ispettorato svedese del gioco ha dichiarato che Casino Cosmopol aveva commesso violazioni gravi e sistematiche delle norme sul riciclaggio di denaro. L’Ispettorato svedese del gioco ha fissato la sanzione a 8 milioni di SEK.

La decisione è stata impugnata dinanzi al tribunale amministrativo, che ha accolto solo in parte il ricorso della società. Il tribunale amministrativo ha condiviso la valutazione di Spelinspektionen secondo cui la società aveva commesso violazioni gravi e sistematiche delle norme. Tuttavia, il tribunale ha ridotto la penale a 3 milioni di SEK, tenendo conto della natura, dell’entità delle violazioni e della posizione finanziaria dell’azienda. Sia la società che la Spelinspektionen hanno presentato ricorso contro la sentenza del tribunale amministrativo dinanzi alla corte d’appello, che ha ora annunciato la propria decisione.

La Corte d’Appello respinge i ricorsi. La Corte d’Appello concorda con la valutazione del Tribunale Amministrativo in merito alle obiezioni di Casino Cosmopol alle violazioni da parte della società delle norme della Legge sul riciclaggio di denaro. Nel complesso, la corte d’appello, come il tribunale amministrativo, ritiene che una penale di 3 milioni di corone svedesi sia ben bilanciata.