“A causa del numero di consumatori interessati alla nostra indagine su BetIndex, abbiamo deciso di pubblicare alcune ulteriori informazioni sul contesto della nostra azione normativa. Abbiamo concentrato questo aggiornamento sulle aree in cui abbiamo ricevuto domande sul nostro approccio”. Lo comunica in una nota la Gambling Commission britannica.

“BetIndex Limited ha ottenuto una licenza per un evento reale standard di scommesse generali a distanza il 9 settembre 2015. L’operatore è anche autorizzato dal regolatore di Jersey. L’attuale prodotto BetIndex consente ai clienti (chiamati commercianti) di piazzare scommesse (azioni) sulle prestazioni future dei calciatori. Una scommessa dura 3 anni durante i quali accumulano dividendi. Dopo 3 anni la scommessa scade, il che significa che i clienti perdono la loro quota e qualsiasi diritto a ulteriori dividendi. Il prodotto si è evoluto per consentire ai clienti di acquistare e vendere scommesse con prezzi che fluttuano in base alla domanda. Abbiamo identificato che il prodotto contiene elementi che sono di natura scommessa, e quindi regolati da noi come gioco d’azzardo, così come elementi non sono considerati gioco d’azzardo e quindi non soggetti al nostro mandato regolamentare.

A seguito delle preoccupazioni sull’operatore, il 20 maggio 2020 abbiamo avviato una revisione formale presso il licenziatario ai sensi della sezione 116 del Gambling Act. L’obiettivo della nostra revisione era affrontare i problemi relativi all’aspetto delle scommesse del prodotto. In quella fase non c’erano motivi per sospendere la licenza di esercizio. Durante il corso della revisione, abbiamo utilizzato competenze specialistiche in scommesse, un contabile forense e un QC esterno specializzato per esaminare il modello di business, le finanze della società e le complesse questioni legali sul quadro normativo appropriato.

Nella prima parte di marzo, BetIndex ha informato di piani di auto sospensione in vista della ristrutturazione e del rilancio. Le nostre preoccupazioni circa i tempi di questa operazione e la posizione riguardo ai fondi dei clienti ci hanno portato a sospendere la licenza l’11 marzo 2021. Abbiamo agito in tandem con il Jersey Regulator, con il quale BetIndex è anche titolare di una licenza. Sappiamo per esperienza che la sospensione di una licenza può, di per sé, innescare o accelerare il declino finanziario di un operatore e mettere a rischio i fondi dei clienti. Questo è il motivo per cui valuteremo sempre se ci sono passaggi prima della sospensione che possono ancora fornire i giusti risultati normativi e affrontare i rischi che i consumatori devono gestire senza accelerare il collasso finanziario di un’azienda. Pertanto, passeremo alla sospensione solo quando questa è l’unica opzione per fornire il giusto risultato normativo e, in effetti, la legislazione ci impone di esercitare tali poteri in questo modo. Eravamo soddisfatti che l’11 marzo la sospensione fosse l’unica opzione normativa rimasta a nostra disposizione.

Mentre la nostra indagine è in corso, la nostra priorità è garantire che il licenziatario si concentri sul trattamento dei consumatori in modo equo e mantenendoli pienamente informati di eventuali sviluppi che li riguardano. BetIndex detiene un conto fiduciario destinato a detenere dividendi da pagare ai clienti vincenti. Ci è stato assicurato dai loro avvocati che BetIndex ha sospeso i pagamenti da questo conto mentre i diritti dei clienti possono essere calcolati e in attesa di una richiesta alla Corte. BetIndex richiede una direzione da parte della Corte in merito al trattamento appropriato di tali fondi. Comprendiamo che questi processi legali sono in corso.

La garanzia della Commissione è che i fondi nel conto fiduciario non saranno distribuiti a creditori diversi dai clienti. Tuttavia, è probabile che la sua capacità di distribuire immediatamente ai clienti i fondi sia soggetta alle indicazioni della Corte piuttosto che della Commissione.

Sebbene ci saranno limitazioni sulle informazioni che possiamo pubblicare durante le indagini normative, continueremo a fornire aggiornamenti ogni volta che avremo ulteriori informazioni da condividere”.