Un’indagine condotta dalla Gambling Commission britannica ha portato all’interruzione delle lotterie illegali che operavano sulla piattaforma di social media Facebook.

Lavorando con i partner delle forze dell’ordine del Regno Unito attraverso la Government Agency Intelligence Network (GAIN) e gli specialisti della piattaforma di social networking, l’indagine della Commissione si è concentrata sul funzionamento di lotterie illegali e senza licenza, dati i rischi che rappresentano per i consumatori e le persone vulnerabili.

Le lotterie illegali, che offrivano una varietà di premi in denaro, giocattoli e vestiti per bambini, hanno portato a identificare due individui per aver promosso attività illecite. Questi sono stati rimossi dai gruppi Facebook associati dopo aver ricevuto – da parte della North East Regional Special Operations Unit e della South West Regional Organised Crime Unit – delle comunicazioni che li intimavano a cessare e desistere da queste attività irregolari.

Helen Venn, direttore esecutivo della Gambling Commission ha dichiarato: “C’erano centinaia di persone che partecipavano a queste lotterie, ma era importante identificare coloro che le organizzavano e le moderavano illegalmente. Lavorando insieme ai nostri colleghi di Facebook e alla polizia, siamo lieti che siano state identificate persone chiave e che questo tipo di attività, che aumenta solo il rischio di danni legati al gioco, siano state interrotte. Le lotterie illegali, comprese quelle che si svolgono attraverso i canali dei social media, continueranno quest’anno a essere al centro del nostro lavoro di contrasto agli illeciti poiché ci colleghiamo continuamente a piattaforme come Facebook per individuare non solo le attività irregolari, ma anche chi c’è dietro, perchè si tratta di soggetti che violano le regole del gioco d’azzardo e gli standard dei social media”.

David Gill, coordinatore GAIN presso la South West Regional Organized Crime Unit, ha dichiarato: “Sappiamo che i veri vincitori delle lotterie illegali, che spesso promettono premi di alto valore ed estrazioni in denaro, sono troppo spesso i soggetti che le gestiscono, i quali cercano in tutti i modi di proseguire con il loro operato. Noi continueremo a sostenere la Gambling Commission nel prendere di mira e fermare le persone che traggono profitto da tali schemi illegali. Un lavoro come questo mostra il valore e l’assoluta necessità dell’intera gamma di forze dell’ordine che lavorano insieme come parte della rete GAIN”.

Kevin Benson, coordinatore GAIN con sede presso la North East Regional Special Operations Unit, ha dichiarato: “È importante riconoscere i danni che il gioco illegale può causare, soprattutto quando lotterie non regolamentate come queste traggono vantaggio dal prendere di mira alcune delle persone più vulnerabili nelle nostre comunità, in particolare quelle con problemi di dipendenza. Continueremo a lavorare al fianco dei nostri partner per aiutarli a fermare le lotterie illegali e altre piattaforme di gioco irregolari”.

La sig.ra Venn, che guida i team della Gambling Commission che si occupano di licenze, conformità e applicazione delle regole, ha aggiunto che molte di queste lotterie non stanziano fondi per buone cause e che i consumatori che partecipano non beneficiano di protezione legale.