slot

(Jamma) – “E’ fondamentale mettere in condivisione i saperi sulle mafie. Bisogna fare una edizione per i ragazzi, perché è uno strumento importante e fondamentale ma non è facile. Bisogna restringere lo spazio d’azione delle associazioni criminali. Manca nel paese un progetto organico, nonostante i grandi progressi, oggi più che mai necessario in un tempo di fratture sociali ed economiche”. Così don Luigi Ciotti di Libera oggi a Roma alla presentazione del terzo rapporto sulle mafie nel Lazio.

“Servono cittadini più responsabili, e l’educazione è il primo investimento di una società aperta al futuro. Servono una città e una Regione educative dove tutti insieme concorrono a questo processo. Serve una legge concreta e categorica sul gioco d’azzardo, mentre sulla droga siamo tornati ai massimi livelli. Io ho tre preoccupazioni: la prima è la legalità. Altro problema la digitalizzazione della vita, pensiamo solo ai contatti e non più alle relazioni. E poi c’è bisogno di una memoria viva che si traduca in impegno e responsabilità. E’ bello vedere i ragazzi accompagnati in un percorso a conoscere la storia che ci ha segnato” ha concluso don Ciotti.

Commenta su Facebook