Tre persone di età compresa tra i 25 e i 40 anni, residenti ad Alife e Piedimonte Matese (CE), potrebbero finire a breve sotto processo con l’accusa di rapina a mano armata. Per gli investigatori sarebbero loro, infatti, gli autori del colpo commesso nel febbraio del 2020 a danno di una sala giochi di Alife. La Procura delle Repubblica di Santa Maria Capua Vetere ha concluso le indagini e gli notificato gli avvisi di garanzia. E’ quanto si legge su paesenews.it.

Secondo l’accusa i tre, in concorso tra loro, si recarono a bordo di un’utilitaria nei pressi della sala giochi “Vegas Slot Vlt” di Alife. A quel punto uno del gruppo restò nell’auto con il motore acceso, mentre gli altri due complici penetrarono nell’attività e con volto travisato e sotto la minaccia di una pistola intimarono al proprietario di consegnargli l’intero importo custodito in cassa. La banda riuscì a portare via poco meno di 5mila euro in contanti. La denuncia della vittima fece scattare le indagini che, dopo due anni, sono giunte a conclusione individuando i presunti responsabili di quel crimine.