Print Friendly

(Jamma) – Pizzo in nome dello storico clan Mazzarella e per conto del gruppo Capasso-Castaldo. Sono finiti tutti in carcere i taglieggiatori di un imprenditore, attualmente ai domiciliari per reati finanziari, titolare di numerose sale giochi e slot machine.

I carabinieri della stazione di Marigliano (NA) hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di un giovane ritenuto responsabile di estorsione aggravata da finalità mafiose. Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è ritenuto contiguo al clan camorristico Mazzarella, operante per il controllo degli affari illeciti tra Napoli e provincia.

Qualche settimana fa il ragazzo aveva imposto il pizzo all’imprenditore. Qualche giorno prima, invece, i carabinieri di Marigliano avevano arrestato un altro giovane già noto alle forze dell’ordine, e anche lui contiguo al clan camorristico dei Mazzarella. Quando è stato bloccato in possesso di mille euro, non è stato in grado di fornire spiegazioni. Approfondendo la situazione i militari erano riusciti ad accertare che li aveva appena “riscossi” dall’imprenditore delle slot a casa del quale si era recato più volte per minacciarlo e costringerlo a pagare la quota per i detenuti.

Il 29 maggio i carabinieri della stazione di Marigliano avevano dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip di Napoli al termine delle indagini della DDA, a carico di 4 soggetti del luogo. I quattro sono ritenuti contigui al gruppo criminale dei Capasso-Castaldo. Anche in questo caso i carabinieri avevano accertato numerosi episodi di estorsione ai danni dell’imprenditore mariglianese.

Commenta su Facebook