Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) La lotta al gioco illegale continua senza sosta da parte delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Perugia, in collaborazione con personale dell’Amministrazione dei Monopoli di Stato. A seguito di controlli mirati in tema di giochi e scommesse effettuati nei giorni scorsi, è scattata la denuncia per un gestore di due agenzie di scommesse non autorizzate e sequestro di apparecchiature elettroniche utilizzate per la raccolta abusiva dei pronostici. L’imprenditore aveva allestito due autonomi punti di raccolta, entrambi non autorizzati: una vera e propria sala di scommesse, con tanto d’insegna, sita nel capoluogo, ed un più discreto punto raccolta all’interno di un piccolo bar della provincia nel quale venivano pubblicizzate ed accettate le puntate su eventi sportivi. In entrambe le sedi, l’imprenditore raccoglieva le scommesse per conto di una società austriaca a sua volta mai abilitata ad operare nel territorio italiano. Al momento dell’intervento, i Finanzieri hanno riscontrato anche la presenza, nelle immediate adiacenze del locale, di un giocatore con la ricevuta della giocata appena effettuata.Il titolare è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per esercizio abusivo dell’attività di scommesse e per i reati previsti dal Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, essendo sprovvisto della prescritta licenza nonché delle autorizzazioni e concessioni rilasciate dall’Agenzia dei Monopoli, che conferiscono il titolo necessario all’esercizio del gioco online.

Commenta su Facebook