Si è tenuto oggi a Napoli, presso l’Aula Consiliare del complesso monumentale di Santa Maria La Nova, l’iniziativa dal titolo: “Incontro sul gioco d’azzardo patologico per un confronto sulle iniziative della Pubblica Amministrazione”

All’incontro, promosso dalla città Metropolitana di Napoli sono intervenuti:

Stefano Vecchio, direttore del Dipartimento Dipendenze ASL NA1

Virginia Amabile, assessore del Comune di Anacapri

Enrico Panini, vicesindaco del Comune di Napoli

I Comuni, nell’incertezza e nella frammentarietà degli interventi legislativi e giurisprudenziali, hanno adottato provvedimenti per tutelare la salute pubblica, determinando spesso un vasto contenzioso con gli esercenti in vario modo coinvolti nel problema.

Le principali linee di intervento sono state quelle di regolamentare la materia e contrastare la diffusione del gioco d’azzardo, specie patologico. Queste iniziative si sono sviluppate su due direttive. La prima con l’adozione di provvedimenti che cercano di limitare la diffusione del gioco d’azzardo incidendo sulla redistribuzione e collocazione delle sale da gioco sul territorio. La seconda forma è rivolta a limitare gli orari di apertura e a dettare una serie di ulteriori prescrizioni a carico degli esercenti.

In Campania, nonostante siano all’attenzione delle competenti Commissioni consiliare alcuni disegni di legge in materia manca ancora una disciplina organica che consenta di uniformare le regole sul territorio regionale, si legge in una nota degli organizzatori dell’evento. Tale normativa garantirebbe, tra l’altro, una maggiore efficacia alle misure adottate da alcune Amministrazioni locali, anche facenti parte della Città Metropolitana di Napoli, come ad esempio, i Comuni di Napoli ed Anacapri, giusto per citare quelli la cui disciplina ha superato il vaglio della magistratura amministrativa di ogni grado.

Comunque, non essendo la disciplina adottata dai singoli Comuni valida oltre i propri confini si cade nel paradosso che l’efficacia dei provvedimenti viene affievolita, se non vanificata, dalla possibilità per il giocatore ludopata di recarsi in un comune limitrofo.