gdf

Sono stati predisposti, a cura della Guardia di Finanza di Oristano, attività mirate alla repressione del gioco d’azzardo, sottoponendo a controllo complessivamente 12 sale giochi. Nell’ambito di tali attività sono stati verbalizzati due esercenti in quanto, dopo aver effettuato apposita attività di osservazione, è stato rilevato che due minorenni avevano effettuato delle scommesse.

Come è noto la legge vieta anche solo l’ingresso dei minori in questo tipo di attività. L’articolo recita: “Non è consentito l’accesso alle sale giochi ai minori degli anni 18”. Il decreto Balduzzi ha rafforzato le disposizioni della Legge 15 luglio 2011, n. 111, che sancisce il divieto di partecipazione dei minori ai giochi pubblici con vincita in denaro, inasprendo le sanzioni. Gli esercizi rischiano una sanzione con pena pecuniaria da 5.000 a 20.000 euro, con la chiusura da 10 a 30 giorni e, nel caso la violazione riguardi apparecchi e congegni da gioco, anche con la sospensione per il trasgressore, compresa tra 1 e 3 mesi, dall’elenco degli operatori.

Commenta su Facebook