Sanzioni per oltre 34mila euro ad una sala bingo a Verona. Ieri pomeriggio, nel corso di un blitz degli agenti della divisione amministrativa e sociale della questura, tutti gli apparecchi da gioco sono stati trovati accesi e funzionanti con molti clienti intenti ad usarli durante l’orario in cui, secondo la normativa regionale, sarebbero dovuti rimanere spenti: dalle 7 alle 9, dalle 13 alle 15 e dalle 18 alle 20.

Da un controllo più accurato – si legge su larena.it – gli agenti hanno poi scoperto l’utilizzo del pos in modo difforme alle regole, vale a dire che era usato come mezzo per il prelievo di denaro da utilizzare immediatamente nel gioco: una operazione vietata dalla legge che è costata una ulteriore sanzione, oltre ai 33.500 per l’utilizzo delle slot, di 1.032 euro.