I soldi dei boss di Porta Nuova e Resuttana, soprattutto quelli ricavati con lo smercio di droga, sarebbero stati reinvestiti (e ripuliti) in varie attività commerciali della città di Palermo, come bar, centri scommesse e compro oro. Questo era emerso nel 2018 con l’operazione della guardia di finanza denominata “Delirio”. Adesso per 24 imputati processati con il rito abbreviato è arrivata la sentenza d’appello: 7 persone che erano state condannate sono state adesso del tutto scagionate, mentre ad altre 7 sono stati concessi degli sconti. Per gli altri imputati la sentenza è stata invece confermata. Lo riporta palermotoday.it.