Si terrà giovedì prossimo una mattinata di sensibilizzazione fortemente voluta dal Sindacato Pensionati Italiani (SPI) di Borgo San Lorenzo (FI) – che comprende gli iscritti anche dei comuni di Vaglia e Vicchio – sul tema del disturbo da gioco d’azzardo e popolazione della terza età. L’intervento che si svolgerà presso la sede del Sindacato in piazza Martin Luther King a Borgo San Lorenzo, sarà condotto dagli operatori del Servizio delle Dipendenze del Mugello (SerD) ed è aperto ai 2300 iscritti dello SPI-CGIL di Borgo, Vaglia e Vicchio.

“Questo tipo di problematica – si legge in una nota -, trasversale in tutte le fasce della popolazione, assume caratteristiche peculiari nella persona anziana, ad esempio rispetto ai giochi utilizzati, tra i quali Bingo e Gratta e Vinci sono maggiormente prediletti. Nelle fasce giovanili, invece, predominano le scommesse sportive e le slot. Gli over 65, inoltre, presentano una tendenza a variare meno tra i giochi, con una propensione a rimanere più legati ad alcune tipologie di gioco specifico. Da una ricerca del 2019 dal titolo ‘Il gioco d’azzardo nella regione Toscana. Rapporto di Ricerca integrato sulla diffusione del gioco d’azzardo nella regione Toscana attraverso gli studi GAPS, ESPAD Italia, CNR e IFC (Istituto di Fisiologia Clinica)’, emerge che il 38% della popolazione residente in Toscana di età compresa tra i 18 e gli 84 anni ha giocato d’azzardo, con il genere maschile più coinvolto nel fenomeno rispetto a quello femminile. A livello generale il gioco più praticato è il Gratta e Vinci (72%), quest’ultimo preferito soprattutto dal genere femminile e dalle fasce di maggiore età, seguito da Superenalotto (47%), scommesse sportive (21%) praticate prevalentemente dal genere maschile, e Lotto (21%). Nello specifico analizzando i dati della zona del Mugello emerge un dato interessante che vede questa zona con una prevalenza di gioco d’azzardo online tra le più alte della Toscana”, conclude la nota.

Articolo precedente“La tutela dei consumatori nei giochi pubblici”, Picchi (Confcommercio Toscana): “Accordo con Regione esempio di come si possono gestire e affrontare i rischi dell’azzardo”
Articolo successivoCagliari, domani la presentazione della settimana di prevenzione e sensibilizzazione sul gioco d’azzardo