azzardo
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Al via a Lacchiarella un nuovo progetto per il contrasto al gioco d’azzardo patologico. Si chiama «La vita non è in gioco» è cercherà di sostenersi con le risorse dell’apposito bando emanato ad inizio marzo dalla Regione.

Vi aderiscono, oltre al Comune, Icaro 2000 Cooperativa Sociale, Asst, Comitato Civico degli Anziani, Arci, Pro Loco, Associazione Cantoni Ciarlaschi e Istituto Comprensivo Michelangeli.

«Il progetto – evidenzia la relazione del Comune – prevede la realizzazione di un sistema di primo filtro con aggancio rapido entro le 24 ore dalla richiesta di aiuto, in orari serali in cui i servizi specialistici non sono aperti, su accesso diretto o su segnalazione dei servizi sociali del territorio o di altri soggetti della rete. Segue l’avvio di un processo di orientamento. Si tratta di un percorso in due fasi operative, una di reperibilità telefonica ed una di prima accoglienza con due pre-colloqui di ascolto con l’obiettivo di favorire la predisposizione del giocatore e della famiglia all’accompagnamento ai servizi. Inoltre il progetto intende attivare all’interno del contesto scolastico delle azioni informative che permettano di avere un quadro generale del fenomeno del gioco. Le informazioni verteranno sulla definizione di gioco, di gap e loro classificazione. Si fornirà un quadro fenomeno del gioco. Il progetto realizzerà dei laboratori sugli aspetti comunicativi, si farà ricerca e produzione di strumenti comunicativi».

Commenta su Facebook