“Circa le anticipazioni sulle dimensioni del mercato del gioco per il 2019 direi che c’è una conferma del trend registrato in Piemonte con un tasso di crescita minore rispetto alle altre regioni a conferma che quella piemontese non è una legge restrittiva, ma una legge seria. Si parla di proizionismo, in realtà si passa da un regime di liberalizzazione ad un regimo regolato. Dal 2016 i piemontesi hanno risparmiato al gicoo circa 2 miliardi di euro”. E’ quanto ha dichiarato Paolo Jarre, direttore del Dipartimento “Patologia delle dipendenze” dell’Asl TO3, in una intervista a TGR Piemonte.