Il Tribunale penale di Ragusa, con sentenza del 28 ottobre 2022, ha assolto con la formula “il fatto non sussiste”, un imputato accusato di riciclaggio per essere stato trovato ad espatriare con consistente somma di denaro contante che l’accusa aveva attribuito, all’esito delle indagini, a terzo soggetto dedito a raccolta abusiva di gioco, anche mediante l’installazione di computer riproducenti giochi virtuali e d’azzardo su Web in diverse zone della Sicilia.

Molto articolate le tesi avanzate dal difensore dell’imputato, avv. Marco Ripamonti (nella foto), riferite anche alla qualificazione giuridica del reato di raccolta di gioco a base del reato presupposto.

All’esito della discussione è stata pronunciata assoluzione.

Articolo precedente“Giocare da grandi”, Fiorini (Lega): “Dare priorità al riordino per far crescere la filiera”
Articolo successivoClarion Gaming ha ampliato il suo programma ICE Ambassador con la partecipazione del presidente di EUROMAT Jason Frost e della co-fondatrice di PlayEngine Dr. Laila Mintas