“Sono 6 gli interventi effettuati presso sale giochi e centri di scommesse”. E’ quanto comunicato dalla Guardia di Finanza della provincia di Belluno in riferimento al bilancio operativo 2020.

Il comando provinciale di Trapani ha comunicato invece che “nel settore dei giochi e delle scommesse illegali, sono stati eseguiti oltre 100 interventi che hanno consentito di verbalizzare 14 soggetti”.

Nella provincia di Matera nel comparto dei “Giochi e Scommesse illegali”, i Reparti della Guardia di Finanza “hanno eseguito 23 interventi che hanno consentito di verbalizzare 18 soggetti”.

Nel corso dell’anno 2020 la Guardia di Finanza di Macerata è intervenuta anche nel settore delle dogane e del gioco illegale ed irregolare, “sono stati eseguiti 17 interventi, riscontrando violazioni in 3 casi, con la denuncia di 1 responsabile ed il sequestro di 2 chilogrammi di tabacchi lavorati esteri”.

La Guardia di Finanza di Mantova, nel settore del gioco illegale ed irregolare, nel 2020 ha eseguito 23 controlli con la verbalizzazione di 46 soggetti.

Nella Provincia di Teramo, nel comparto del gioco e delle scommesse, sono stati eseguiti 38 controlli, di cui 13 sono risultati irregolari, con 71 soggetti verbalizzati.

I Reparti del Comando Provinciale Varese nel settore dei giochi e delle scommesse illegali hanno eseguito 24 controlli.

Nel 2020 i Reparti dipendenti del Comando provinciale di Lecce hanno eseguito controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che hanno permesso di irrogare sanzioni per 207mila euro con la denuncia di sei soggetti.

Nel corso dell’anno 2020 la Guardia di Finanza di Pavia è intervenuta anche nel settore del gioco illegale ed irregolare, sono stati eseguiti 14 controlli non riscontrando violazioni.

Per quanto riguarda i Reparti abruzzesi della Guardia di Finanza nel 2020 “i controlli e le indagini contro il gioco illegale ed irregolare hanno permesso di irrogare sanzioni per circa 350.000 euro, di denunciare 35 soggetti e di scoprire 20 agenzie clandestine”.

Nel 2020 la Guardia di Finanza della Liguria ha eseguito controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che “hanno permesso di irrogare sanzioni per 20.000 euro e di denunciare 4 soggetti”.

Nel corso del 2020 la Guardia di Finanza di Fermo è intervenuta anche nel settore del gioco illegale ed irregolare, “sono stati eseguiti 5 controlli”.

La Guardia di Finanza di Modena, nell’ambito di “controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare” ha verbalizzato “69 soggetti”.

Ad Avellino “nel settore del gioco illegale ed irregolare, nell’anno 2020 sono stati eseguiti 25 controlli riscontrando 20 violazioni. Inoltre, sono state concluse 3 indagine di polizia giudiziaria”.

Nel 2020 la Guardia di Finanza di Caserta nel settore del gioco illegale ed irregolare ha eseguito n. 73 controlli, riscontrando 41 violazioni. Inoltre, sono state concluse 10 indagini di polizia giudiziaria.

Le Fiamme Gialle di Perugia nel 2020 sono intervenute anche nel settore del monopolio statale del gioco e delle scommesse, “sono stati effettuati circa 36 controlli, conclusisi con il riscontro di 18 violazioni e la denuncia di 6 soggetti”.

Nel corso del 2020 il Comando Regionale Campania ha effettuato anche controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che hanno permesso di “irrogare sanzioni per oltre 620 mila euro, di denunciare 80 soggetti e di scoprire 44 agenzie clandestine”.

Il comando toscano della Guardia di Finanza nel settore del gioco illegale ha effettuato 95 interventi, riscontrato 26 violazioni e denunciato 17 persone.

Nel corso del 2020 la Guardia di finanza ha eseguito nella provincia di Foggia controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che hanno permesso di scoprire 5 agenzie clandestine con la denuncia di 3 responsabili.

Nel corso del 2020 la Guardia di Finanza di Vercelli ha effettuato controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che hanno permesso di verbalizzare n. 13 soggetti.

In Friuli Venezia Giulia nel 2020 “i controlli e le indagini contro il gioco illegale ed irregolare hanno permesso di irrogare sanzioni per 85 mila euro e di denunciare 4 soggetti”.

Le Fiamme Gialle di Crotone, in merito alla lotta al gioco ed alle scommesse illegali, hanno effettuato “16 controlli, sottoposti a sequestro nr. 3 apparecchi/congegni e verbalizzati 38 soggetti”.

Nel 2020 in Piemonte e in Valle D’Aosta gli interventi contro il gioco illegale e irregolare delle Fiamme Gialle hanno portato a sanzionare “190 persone, per 4,6 milioni di euro”. Sono inoltre state scoperte “due agenzie clandestine. Undici i denunciati”. In particolare in Valle d’Aosta è stato eseguito nel 2020 un controllo, con la constatazione di una violazione e la verbalizzazione di una persona.

Nell’arco del 2020 le fiamme gialle di Pisa hanno effettuato controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che hanno permesso di irrogare sanzioni per oltre 50mila euro e di verbalizzare 46 soggetti.

Nel corso del 2020 il Comando Provinciale di Napoli ha eseguito controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che hanno permesso di irrogare sanzioni per 65 mila euro, di denunciare 46 soggetti e di scoprire 1 agenzia clandestina.

Nel 2020 la Guardia di Finanza in Lombardia è intervenuta anche nel settore dei giochi e delle scommesse illegali, “i controlli eseguiti sono stati 273, con 60 violazioni rilevate e la verbalizzazione di 597 soggetti”.

Durante l’ultimo anno il Comando provinciale di Lucca ha eseguito 69 controlli nel settore delle “prestazioni sociali agevolate”, dei quali 33 risultati irregolari, constatando un danno complessivo cagionato allo Stato per oltre 78.600 euro. Le attività finora eseguite per il reddito di cittadinanza hanno fatto emergere diverse fattispecie: fra queste la più ricorrente, con un totale di cinque violazioni, attiene alla mancata comunicazione di somme derivanti da vincite di gioco.

Il Comando Provinciale della Spezia nel settore del gioco illegale ha riscontrato 10 violazioni, elevando sanzioni per complessivi 10.000 euro e verbalizzando 28 soggetti, 3 dei quali denunciati a piede libero all’Autorità Giudiziaria.

A Monza ci sono stati 17 controlli contro il gioco illegale ed irregolare che hanno consentito di irrogare sanzioni per complessivi 4.000 euro.

A Chieti nel settore dei giochi e delle scommesse illegali i controlli eseguiti sono stati 72, con 55 violazioni rilevate con l’irrogazione di sanzioni per circa 130.000 euro.

A Cremona nel 2020 i controlli nel settore dei giochi e delle scommesse illegali sono stati 9.

Nel corso del 2020, la Guardia di Finanza di Agrigento è interveuta anche nel settore a tutela del monopolio statale del gioco e delle scommesse, “sono stati eseguiti 13 interventi, di cui 7 irregolari, verbalizzati 26 soggetti, sequestrati 8 centri scommesse clandestine e 11 apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento”.

Nel corso del 2020 la Guardia di Finanza di Verona, tra i controlli in materia di prestazioni sociali agevolate, ha realizzato uno specifico dispositivo operativo volto al contrasto dei fenomeni di illecita apprensione del “reddito di cittadinanza”. Gli interventi svolti in quest’ultimo ambito, anche con il contributo dell’INPS, sono stati indirizzati, in maniera puntuale e selettiva e hanno permesso di intercettare oltre 284 mila euro, nonché di denunciare all’Autorità Giudiziaria, per le ipotesi di reato previste. 27 sono stati i soggetti; tra questi figurano anche 3 soggetti titolari di conti gioco.

Nel corso dell’anno 2020 la Guardia di Finanza lariana è intervenuta nel settore del gioco illegale e irregolare, sono stati eseguiti 21 controlli.

Nel 2020 la Guardia di Finanza di Imperia nel settore del gioco illegale ha effettuato 9 interventi e concluso 4 deleghe d’indagine della Magistratura.

Nel corso dell’anno 2020 la Guardia di Finanza del Molise è intervenuta anche nel settore del gioco illegale ed irregolare, “sono stati eseguiti 17 controlli riscontrando 9 violazioni, con la verbalizzazione di 57 soggetti, di cui 2 denunciati all’Autorità Giudiziaria”.

Nel corso del 2020 la Guardia di Finanza di Latina ha effettuato controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che hanno permesso di irrogare sanzioni per 70mila euro, e di denunciare 3 responsabili.

Nell’anno passato la Guardia di Finanza del Vco (Verbano-Cusio-Ossola) è intervenuta anche nel settore del gioco illegale ed irregolare, “sono state riscontrate nel 2020 4 violazioni, che hanno portato all’irrogazione di sanzioni per 40.000,00 Euro e alla verbalizzazione di 10 soggetti di cui 1 denunciato a piede libero”.

Nel territorio di Roma e provincia i controlli e le indagini “contro il gioco illegale ed irregolare hanno permesso di denunciare 17 persone e verbalizzarne 230 in via amministrativa”.

Nel 2020, il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Savona è intervenuto nel comparto “dei giochi e delle scommesse illegali, i controlli eseguiti sono stati 36”.

La Guardia di Finanza di Livorno e provincia ha eseguito controlli e indagini contro il gioco illegale e irregolare che “hanno permesso di irrogare sanzioni per 50.000 euro, con la denuncia di una persona”.

La Guardia di Finanza di Padova, nel settore del gioco illegale ed irregolare, ha eseguito 17 controlli, riscontrando 5 violazioni”.

In provincia di Brindisi la Guardia di Finanza ha eseguito controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che “hanno permesso di irrogare sanzioni per 3.400 euro, di verbalizzare 42 soggetti di cui 1 denunciato, di scoprire 1 agenzia clandestina”.

I Reparti del Comando Regionale della Guardia di Finanza in Umbria hanno eseguito interventi anche nel settore del monopolio statale del gioco e delle scommesse, “sono stati effettuati circa 40 controlli, conclusisi con il riscontro di 18 violazioni e la denuncia di 6 soggetti”.

I controlli e le indagini contro il gioco illegale ed irregolare a Vicenza hanno “permesso di irrogare sanzioni per 650 € e di denunciare 1 soggetto”.

Nel 2020, le Fiamme Gialle di Messina hanno eseguito controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che “hanno permesso di irrogare sanzioni per 114 mila euro, di denunciare 6 soggetti, di scoprire 10 agenzie clandestine e di constatare una base imponibile evasa ai fini dell’imposta unica per circa 77,2 milioni di euro”.

A Ragusa, nel settore dei giochi e delle scommesse illegali sono stati effettuati dalla Guardia di Finanza “10 interventi, che hanno portato all’irrogazione di oltre 207.000 euro di sanzioni a vario titolo. Inoltre sono stati scoperti 5 punti clandestini di raccolta scommesse, denunciati 22 soggetti e sequestrati 7 apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento”.

Ad Alessandria i controlli e le indagini contro il gioco illegale ed irregolare hanno permesso alle Fiamme Gialle “di irrogare sanzioni per 8,3 milioni, di denunciare 311 soggetti, di scoprire 275 agenzie clandestine e di constatare una base imponibile evasa ai fini dell’imposta unica per circa 500 milioni di euro”.

Nel 2020 il Comando Provinciale di Frosinone ha eseguito “controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare. Questi sono stati 21, riscontrando 5 violazioni”.

La Guardia di Finanza di Treviso ha eseguito controlli e indagini contro il gioco illegale ed irregolare che “hanno permesso di riscontrare 20 violazioni”.

Enna, Guardia di Finanza: gioco illegale e irregolare, nel 2020 sanzioni per 31mila euro e 21 denunce

Sicilia, Guardia di Finanza: nel 2020 sequestrati 42 punti clandestini di raccolta scommesse e 45 tra apparecchi e postazioni di gioco illegali

Forlì, Guardia di Finanza: nel 2020 sequestrate schede di gioco alterate e scoperta base imponibile di 5,5 milioni sottratta a tassazione Preu

Catanzaro, Guardia di Finanza: nel 2020 sequestrati 10 punti clandestini di raccolta scommesse, 35 multe e 5 denunce

Trentino Alto Adige, Guardia di Finanza: nel 2020 sono stati 34 gli interventi in sale giochi e centri scommesse, irregolarità nel 12% dei casi

Salerno, Guardia di Finanza: nel 2020 sequestrati 99 apparecchi da intrattenimento irregolari, 204 multe e 28 denunce

Catania, Guardia di Finanza: nel 2020 ispezioni in 16 attività nel settore giochi e scommesse, riscontrate irregolarità nel 44% dei casi