In una conferenza stampa organizzata congiuntamente dal Global Lottery Monitoring System (GLMS) e dall’Association of Argentinian Lotteries (ALEA), una serie di relatori di alto livello ha discusso questioni relative alla regolamentazione delle scommesse sportive illegali e alle manipolazioni delle competizioni sportive in Argentina, un paese che ha ha vissuto negli ultimi mesi una serie di scandali rilevanti, in particolare nel tennis.

Il Presidente GLMS, Ludovico Calvi, ha evidenziato la necessità di un quadro normativo forte e di misure concrete contro le scommesse sportive illegali, come richiesto anche dalla Convenzione del Consiglio d’Europa sulla manipolazione delle competizioni sportive. Concetto sostenuto da Silvio Vivas, di ALEA, che ha unito la sua voce a quella di Calvi per l’adozione di tali misure, in particolare perché le scommesse sportive non sono attualmente autorizzate nel paese.

Il dott. Luis Cevasco, del ministero della Giustizia argentino, ha sottolineato che si tratta di una questione importante, che non può non essere legata alle discussioni sul livello di coinvolgimento dello Stato argentino sulla legalizzazione delle scommesse. Ha sollevato anche questioni riguardanti i costi sociali in relazione alle scommesse compulsive, nonché la capacità di misurare questo fenomeno.

Friedrich Martens del Comitato olimpico internazionale (CIO) ha anche sottolineato il ruolo dell’istruzione e della prevenzione, riferendosi alle attività pertinenti del CIO sul campo e ha sottolineato l’importanza di tutte le parti interessate private e pubbliche, comprese le lotterie, i regolatori, le forze dell’ordine, le agenzie e il movimento sportivo per lavorare insieme in questa direzione. Ha anche colto l’opportunità di informare sui modi con cui i giovani atleti sono stati informati sulla questione durante i Giochi Olimpici della Gioventù 2018 a Buenos Aires.

Il Presidente GLMS, Ludovico Calvi, ha dichiarato dopo l’evento: “Vorrei davvero ringraziare ALEA per la co-organizzazione, tutti i relatori, i giornalisti e i partecipanti attivi per questo fruttuoso dibattito. È chiaro che le parti interessate in Argentina comprendono l’importanza di intraprendere azioni serie contro questo fenomeno, comprese le misure contro le scommesse sportive illegali, la manipolazione delle competizioni sportive e iniziative strategiche di educazione e prevenzione. GLMS continuerà a perseguire la sua missione di salvaguardare l’integrità dello sport e i valori dello sport senza sosta ovunque, in qualsiasi forma e in qualsiasi continente”.

Commenta su Facebook