slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Di seguito l’appello del Direttore generale dell’Istituto Milton Friedman, Andrea Maria Villotti, rivolto ai media ed alle forza politiche in occasione dell’imminente appuntamento elettorale del 4 marzo.

“L’Italia è attraversata oggi da un vento d’irrazionalità e proibizionismo che ricorda molto quello che, agli inizi del secolo scorso, ha attraversato gli Stati Uniti. L’esplosione di fenomeni di criminalità organizzata, le guerre tra bande, che hanno fatto salire alle cronache personaggi quali Al Capone, arricchitosi grazie al proibizionismo degli alcolici, auspicavamo tutti appartenessero ormai solamente alla storia, mentre purtroppo invece oggi assistiamo attoniti al ripetersi in Italia di simili fenomeni nel settore del gioco.

L’irrazionalità diffusa, unita alla mancata comprensione dei numeri economici, che portano a diffondere, anche su pubblicazioni nazionali prestigiose, cifre e importi relativi al settore completamente sbagliati, contribuiscono a diffondere nell’opinione pubblica, e di conseguenza nella classe politica, convincimenti del tutto erronei, che ricordano quelli che nel secolo scorso avevano portato anche menti brillanti quali J.D.Rockefeller, Henry Ford, H.B.Joy ad appoggiare il proibizionismo, prima di rendersi conto, analizzandone poi i risultati, di come gli effetti fossero stati diametralmente opposti a quelli auspicati, sino al punto da dichiarare: “Ho fatto un errore. Mi sono stupidamente sbagliato. L’America deve aprire gli occhi”(H.B.Joy,1929)

Poiché negli Stati Uniti ci vollero 14 anni e l’arrivo di F.D.Roosvelt per porre fine a un proibizionismo che aveva provocato ogni forma di disastro, da quello economico a quello sociale e culturale, auspichiamo come nel nostro Paese si possa intervenire PRIMA di dover assistere a tutto questo e si forniscano ai media e ai decisori politici dati oggettivi e obiettivi, peraltro liberamente disponibili e consultabili da chiunque grazie ai Monopoli di Stato e al sistema concessorio vigente nel settore in Italia.

Come Istituto Milton Friedman Institute rivolgiamo perciò un appello a tutti coloro che saranno eletti in Parlamento il 4 Marzo, di tutti gli schieramenti, affinché nel corso del loro mandato assumano le loro decisioni sulla base di dati oggettivi e tenendo a mente i fatti storici, in modo da evitare il rischio di ripetere gli errori già commessi da altri nel passato, che avevano deciso sulla base dell’emotività. Da parte nostra, come Istituto, c’impegniamo a fornire dati e studi scientifici oggettivi in modo da supportare al meglio ogni processo decisionale razionale ed efficace in un settore così rilevante per il tessuto economico e sociale nazionale.”

Commenta su Facebook