“In linea con quanto emerso nel primo biennio dell’Osservatorio, dove si sottolineava a più riprese come il gioco digitale rappresentasse la principale frontiera di sviluppo di questi mondi, nella rilevazione del 2022, questo tema è stato approfondito con particolare attenzione. Secondo i nostri intervistati il futuro sarà caratterizzato da una crescita sia del numero di giochi, che della spesa pro capite dei giocatori. Il grande tema sullo sfondo è però quello della digitalizzazione. Il campione si spacca in due sia di fronte all’ipotesi di un futuro fatto solo di giochi online, che sulla possibilità di una identità digitale per tutti i giocatori, ma la via di una maggiore digitalizzazione appare un destino segnato (Fig. 14)”. E’ quanto si legge nello studio “Giocare da grandi – Le rilevazioni dell’Osservatorio sul gioco pubblico 2020-2022”, realizzato da SWG in collaborazione con IGT.

“La transizione verso il gioco digitale, come abbiamo visto, comporta una serie di timori rispetto ai temi della sicurezza del giocatore. A questo riguardo – prosegue la ricerca – tra gli intervistati dell’Osservatorio si auspica un pieno passaggio a strumenti quali l’identità digitale del giocatore e il tracciamento dei pagamenti in modo da garantire un maggiore livello di controllo dei siti illeciti, e dei comportamenti del giocatore online (Fig. 15). Al netto di questi timori, la dimensione digitale è già fortemente presente tra i giocatori. I dati raccolti nell’edizione 2022 dell’Osservatorio lo confermano, mostrando come siano numerosi i giocatori che già oggi praticano diversi giochi con vincita in denaro, quanto meno in forma mista (Fig. 16).

Ciò che spinge con maggiore forza la tendenza al gioco digitale sono i temi della comodità e della riservatezza, per quanto il gioco negli spazi fisici restituisca una immagine di maggiore sicurezza e divertimento (Fig. 17). La transizione al gioco digitale – evidenzia la ricerca – è veicolata soprattutto dalle app, già oggi utilizzate da oltre la metà dei giocatori intervistati per controllare i risultati delle proprio giocate e almeno sperimentate da 2 giocatori su 5 anche come strumento per giocare/scommettere (Fig.18). La potenziale affinità tra giochi con vincita in denaro e piattaforme di gioco digitale è confermata anche dal fatto che i grandi giocatori di giochi con vincita in denaro mostrano una spiccata propensione al gioco digitale in tutte le sue forme”.

Di seguito tutti i dettagli dello studio:

Articolo precedente“Giocare da grandi”: la maggioranza degli intervistati contraria al divieto assoluto dei giochi con vincita in denaro
Articolo successivo“Giocare da grandi”, Saracchi (ADM): “Studiare il gioco è atto di coraggio che aiuta a garantire offerta sostenibile ed equilibrata”