slot
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Dall’introduzione delle norme che introducono nuove regole in materia di sale giochi e funzionamento di apparecchi da gioco a vincita solo oltre 3.000 i ricorsi già presentati dalle imprese di settore. E il numero è destinato ad aumentare.

Il 1 luglio scorso si è chiuso ‘il periodo di transizione’ previsto dal Trattato del gioco del 2012, ovvero la nuova legge. In Germania il comparto del gioco tramite apparecchi da intrattenimento con vincita in denaro offerto al di fuori dei casinò, come sale da gioco, ristoranti, pub o bar, è soggetto a molteplici restrizioni. Per la tutela dei consumatori e la limitazione del gioco patologico, la relativa disciplina fa riferimento a leggi statali, al Regolamento sul gioco e al Regolamento del commercio.

Il Regolamento sul gioco, in vigore dal 13 dicembre 2014, comprende le modifiche apportate in sede di settima revisione. Le principali limitazioni riguardano diversi aspetti:

il numero massimo di macchine di cui è consentita l’installazione: nelle sale da gioco 12 per ogni sito di installazione e nei ristoranti e nei bar 3 (2 dal 10 novembre 2019). L’installazione necessita di una preventiva verifica di idoneità del sito;

il divieto di servire alcolici nelle sale da gioco;

il divieto di gioco con le slot per i minori di 18 anni che si aggiunge al più generale divieto di ingresso dei giovani nelle sale da gioco, previsto dalla Legge sulla protezione della gioventù;

le puntate minime/massime, i coefficienti minimi pay-out e la durata del gioco.

In particolare, si stabilisce: che nell’intervallo di tempo di un “gioco”, sia consentito -in 5 secondi -l’utilizzo massimo di 20 centesimi di euro e di 2 euro di vincita; che la perdita massima oraria sia 80 euro (60 per le slot machine di nuova autorizzazione); che la vincita massima oraria sia di 500 euro (400 per le slot di nuova autorizzazione), jackpot esclusi; che la perdita media oraria sia limitata ad un massimo di 33 euro (20 euro per le slot machine di nuova autorizzazione);

i limiti massimi per l’uso, il guadagno e la perdita per unità di tempo sono assicurate da un dispositivo di controllo e i parametri utilizzati per il controllo sono determinati dall’Istituto federale di metrologia;

gli apparecchi devono essere revisionati ogni 2 anni da un esperto giurato nominato pubblicamente;

le distanze minime tra sale da gioco (da 250 a 500 metri).

 

L’applicazione di queste regole, si è stimato, determinerà la chiusura di moltissime sale giochi ( circa il 50%) e la perdita di almeno 70.000 posti di lavoro. Non tutti i Länder però hanno fissato alla stessa data il termine ultimo del periodo transitorio.

Nel Nord Reno-Westfalia, per esempio, il periodo di transizione si chiuderà il 30 novembre prossimo perché il paese ha ratificato il trattato di Stato sul gioco d’azzardo in ritardo.

“Anche in questo caso verranno presentati molti ricorsi”, anticipa Mario Hoffmeister, portavoce della Espelkamp Gauselmann AG, società che gestisce 300 sale da gioco e più di 1.000 concessioni come leader del mercato tedesco.

Gli operatori lamentano il fatto che lo Stato voglia limitare il gioco delle slot continuando a incentivare lotteria, casinò e gioco online.

In totale si calcola siano almeno 18.000 le licenze di sale giochi rilasciate in tutto il Paese. Solo in Bassa Sassonia, regione che ha già introdotto le distanze minime, Gauselmann ha presentato oltre 100 ricorsi contro le ordinanze di chiusura. In totale si calcola siano stati già stati presentati oltre 3.000 ricorsi.

Commenta su Facebook