Il gioco d’azzardo in Francia è una attività in calo. Secondo l’ultimo rapporto dell’Osservatoire des jeux (ODJ) , nel 2019 i francesi hanno giocato di meno.

Il rapporto dell’ODJ in collaborazione con l’Agenzia nazionale per la sanità pubblica e il Centro di monitoraggio per la droga e le dipendenze (OFDT), ha evidenziato che  il 47,2% dei francesi ha giocato almeno una volta nel 2019. Nel 2014 era il 56,2%.

Negli ultimi cinque anni, la percentuale di giocatori problematici è raddoppiata dallo 0,8 all’1,6% (340.000 persone colpite). Il numero di giocatori con moderato rischio di dipendenza era del 4,4% nel 2019 e quindi è diminuito in modo significativo. Nel 2017 era pari al 9,4%.

In Francia si sarebbero un milione di persone che possono essere considerati giocatori a rischio moderato”, avverte Jean-Michel Costes, segretario generale dell’Osservatorio dei giochi, organismo che fa capo al Ministero delle Finanze francese.

“Alcuni giochi presentano pratiche più problematiche. Notiamo, ad esempio, che le scommesse sportive rappresentano un rischio tre o quattro volte maggiore rispetto ai giochi della lotteria” , ha dichiarato Jean-Michel Costes. Jean-Michel Costes sottolinea inoltre che “le scommesse sportive sono anche il gioco in cui le pratiche online sono le più forti. Il 60% delle scommesse viene infatti effettuato online”.