Il presidente GLMS, Ludovico Calvi, è stato relatore al Terzo Forum internazionale per l’integrità dello sport (IFSI), che si è tenuto lunedì 28 ottobre 2019 presso la nuova casa olimpica di Losanna in Svizzera. Il forum ha cercato di discutere e definire le priorità chiave nel rafforzare gli sforzi globali per prevenire la manipolazione delle competizioni. Con particolare attenzione ai risultati e alle sfide del movimento sportivo, i partecipanti hanno discusso di come migliorare la collaborazione tra forze dell’ordine, governo, enti di scommesse e movimento sportivo.

In un panel moderato dal presidente del Comitato per l’integrità delle scommesse sportive della WLA, Jean-Luc Moner-Banet, incentrato sulla collaborazione tra gli operatori di scommesse e il movimento sportivo, Ludovico Calvi ha sottolineato che le lotterie hanno sempre combinato la trasparenza con la responsabilità delle scommesse sportive. Ha colto l’occasione per sottolineare l’importanza del Codice di condotta GLMS sulle scommesse sportive che è pienamente in linea con le disposizioni della Convenzione del Consiglio d’Europa sulle manipolazioni delle competizioni sportive e garantisce la sostenibilità delle operazioni dei membri GLMS. Calvi ha anche distaccato il movimento sportivo dal fatto che l’identificazione dei giocatori è di grande importanza e ha informato che il Codice di condotta GLMS sta già affrontando questo argomento strategico.

Dopo l’evento, il presidente GLMS ha dichiarato: “Mi congratulo con l’ufficio etica e conformità del CIO per questa importante iniziativa. È un dovere di tutte le parti interessate presenti oggi sostenere gli sforzi efficaci del movimento olimpico verso la salvaguardia dell’integrità morale degli sportivi. Le lotterie – in quanto sostenitori primari e tradizionali del movimento olimpico – e GLMS continueranno a fare del proprio meglio per garantire che lo sport rimanga un’attività ispiratrice. Attendiamo con impazienza la nostra continua collaborazione con il movimento olimpico e sportivo”.