polizia ctd
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Nel pomeriggio del 10 marzo personale del Commissariato di Ponticelli (NA) – diretto dal vice questore aggiunto dr. ssa Andria – settore Polizia Amministrativa coordinato dal Sostituto Commissario Guida ha posto in essere un’intensa e capillare azione repressiva al fine di smantellare un’intera rete di esercizi pubblici dediti alle scommesse clandestine nonchè slot e vlt gestite attraverso il presunto reimpiego di capitali fittizi proventi da attività illegali di chiara matrice camorristica.

L’operazione denominata “Educazione criminale“ è stata effettuata su vasta scala cartografica di competenza territoriale di Ponticelli. Nel corso del le operazioni sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria di Napoli 16 gestori di relative sale scommesse. Inoltre è stato effettuato il sequestro penale di 3 locali.

Le irregolarità derivate dalla complessa e più ampia operazione di prevenzione e repressione del fenomeno del gioco illegale sono state riscontrate in virtù dell’atto di convenzione per il rapporto di concessione relativo all’esercizio dei giochi pubblici per il quale la concessione ha per oggetto le attività e le funzioni per l’esercizio tramite raccolte a distanza, con esclusione di raccolta presso luoghi pubblici con apparecchiature che permettono la partecipazione telematica, uno o più giochi pubblici.

In particolare è stata scoperta, all’interno di un’associazione, oltre l’attività di scommesse clandestine simulata per l’appunto da una parvenza di aggregazione culturale, la presenza di numerosi minori intenti nel giocare.

Il consigliere dell’associazione, nella fase di sequestro del locale, ha affermato “e adesso questi ragazzi dove devono andare… a rubare“ come se il locale adibito all’attività di scommesse clandestine fosse un centro di educazione per i minori.

Commenta su Facebook