d'urso
Print Friendly, PDF & Email

«Non è pensabile che lo Stato consenta il gioco d’azzardo almeno in questo forma e spesso lasciato ai privati senza alcun controllo. C’è bisogno di un intervento affinché il gioco venga portato alle dirette dipendenze dello Stato e non dato più in concessione a terzi».

Lo ha detto il presidente della Consulta nazionale antiusura, Mons. Alberto D’Urso, intervenendo al Duomo di Salerno nell’ambito delle celebrazioni per San Matteo.

L’avvocato Attilio Simeone (responsabile del cartello “Insieme contro l’azzardo”), in particolare, ha ricordato che “nemmeno le slot collegate ai Monopoli di Stato sono esenti da trucchi. Uno dei sistemi è alterare il software e raggirare i giocatori”.

Commenta su Facebook