L’Agente sotto copertura nel contrasto al gioco illegale rischia di essere indagato con le attuali norme del decreto fiscale collegato alla Manovra. “Chiediamo di prevedere una scriminante per l’operatore di Polizia perche’ diversamente potrebbe essere coinvolto o indagato per concorso in illecita esecuzione o attivita’ di gioco azzardo e scommesse illecite”, ha rilevato la Guardia di Finanza in audizione alla Camera, spiegando che “la norma che viene abrogata nel decreto faceva rinvio alla legge 246 sul contrasto ai crimini transnazionali che prevedeva gia’ l’Agente sotto copertura e la scriminante, ma non e’ stata mai applicata perche’ mancavano i decreti di attuazione e infatti ora viene abrogata, ma per scriminare l’Agente di polizia manca la norma che lo scrimini”, come ha spiegato il Colonnello della Guardia di Finanza Luigi Vinciguerra.