Il Procuratore generale presso la Corte dei conti, Angelo Canale, e il direttore dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Marcello Minenna (nella foto), hanno sottoscritto oggi un protocollo di intesa per elevare il livello di coordinamento e, quindi, di efficacia nelle azioni a tutela delle finanze pubbliche.

Il protocollo prevede l’intensificazione della collaborazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli nell’attività di indagine delle procure regionali della Corte dei conti con specifico riferimento agli ambiti di competenza dell’Agenzia stessa.

Sulla base dell’intesa, le Procure della Corte dei Conti potranno avvalersi degli ufficiali e degli agenti di polizia giudiziaria e tributaria dell’Agenzia, esperti di antifrode in materia di accise, dogane e monopoli per l’attuazione di deleghe istruttorie, ai sensi dell’art. 56 del Codice di Giustizia contabile. Le Parti promuoveranno, altresì, il confronto su profili interpretativi connessi a tematiche di interesse operativo, individueranno le fattispecie generanti danni erariali che presentano profili di rilievo e maggiore ricorrenza ai fini delle analisi ordinariamente svolte da ADM, approfondiranno singoli contesti investigativi, con particolare riguardo alle frodi comunitarie e alle violazioni in danno dei bilanci degli enti nazionali e locali. Con l’occasione, il Direttore Minenna ha voluto altresì presentare al Procuratore Generale Canale, il Libro Blu contenente i risultati operativi conseguiti dall’Agenzia nel 2020.

L’odierno protocollo fa seguito alle rinnovate intese operative tra Procura generale presso la Corte dei conti e Guardia di finanza e all’accordo sottoscritto il 13 settembre scorso a Bruxelles con l’EPPO, l’Ufficio del Procuratore europeo in materia di contrasto alle frodi in danno della UE.

Tali accordi si inseriscono nel quadro delle attività svolte dalle procure regionali della Corte dei conti volte alla più efficace ed efficiente tutela degli interessi finanziari nazionali e comunitari, anche in vista dell’attuazione del PNRR.

Scarica di seguito il protocollo d’intesa:

PROTOCOLLO ADM CORTE DEI CONTI