“Tra le percentuali di conferma dell’esito di primo grado a favore dell’ufficio superiori al valore medio (61,9%), si segnalano le controversie riguardanti l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (75,7%), l’Agenzia delle Entrate – Riscossione (66,4%) e gli Altri Enti (63,0%). Di contro, le percentuali di ribaltamento dell’esito a favore del contribuente superiori al valore medio (18,5%), si registrano nei giudizi relativi agli Enti Territoriali (21,7%) ed agli Altri Enti (21,5%)”.

E’ quanto si legge nella “Relazione sul monitoraggio dello stato del contenzioso tributario e sull’attività delle commissioni tributarie” realizzato dal Mef e riferito all’anno 2020.

Da segnalare che nel 2020 sono state 1.565 le controversie contro Adm, mentre nel 2019 erano state 2.423. Gli appelli contro Adm nel 2020 sono stati 1.010, mentre nel 2019 ben 1.464.

Inoltre: “L’indice di vittoria relativo all’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli considera le decisioni totalmente favorevoli e quelle parzialmente favorevoli all’Agenzia e si riferiscono esclusivamente alle sentenze passate in giudicato nell’anno 2020. La modalità di calcolo adottata dall’Agenzia prevede un parametro sintetico di misurazione risultante dal rapporto tra i seguenti due indici:

a) un indice numerico, peso 40%, recante: 1) al numeratore il numero di sentenze definitive totalmente favorevoli + numero di sentenze definitive parzialmente favorevoli; 2) al denominatore il numero di sentenze definitive totalmente favorevoli + il numero di sentenze definitive parzialmente favorevoli + il numero di sentenze definitive sfavorevoli.

b) un indice a valore, peso 60%, recante: 1) al numeratore il valore delle controversie nelle sentenze definitive totalmente favorevoli + il valore del liquidato in sentenza dal giudice nelle sentenze definitive parzialmente favorevoli; 2) al denominatore il valore delle controversie nelle sentenze definitive totalmente favorevoli + il valore delle controversie nelle sentenze definitive parzialmente favorevoli + il valore delle controversie nelle sentenze definitive sfavorevoli.

Per effetto della modalità di calcolo appena descritta, l’indice complessivo realizzato nel 2020 dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli è pari a 69,8%“.