Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) Giovedì mattina, prima dell’avvio dei lavori in Conferenza Unificata, il sottosegretario all’Economia Baretta incontrerà il coordinatore degli assessori finanziari Massimo Garavaglia. E’ quanto fa sapere lo stesso Garavaglia a proposito dell’accordo che da mesi si sta cercando sui punti del riordino del settore dei giochi. Restano infatti da approfondire alcune questioni . “Bene o male le posizioni sono vicine – spiega Garavaglia -. Ci sono ancora dei punti da chiarire. E per questo serve un ultimo incontro. Sinceramente spero proprio sia l’ultimo, perché ormai è diventata una telenovela infinita. Non è detto che si riesca ad avere l’ok di tutti, ma in un modo o nell’altro si deve chiudere. A quello serve l’incontro di giovedì” ha detto al Velino.

I punti su cui resta ancora da discutere, sottolinea Garavaglia, “restano sempre gli stessi. A partire dalla possibilità delle sale di classe A di operare in deroga alle norme degli enti locali. Sicuramente sono ancora tante le cose da valutare”. Si chiede anche una maggiore stretta sull’uso del contante. “Deve esserci un limite, non si possono giocare alle macchinette banconote da 200 o anche da 100 euro”, spiega Garavaglia rimandando poi al mittente le accuse di posizioni strumentali e solo politiche: “non è vero niente. È un tema complicato. Ma noi siamo disponibili a fare un ragionamento serio”.

Commenta su Facebook