I creditori della Casinò de la Vallée spa hanno dato il via libera al secondo piano di concordato in continuità, dopo che il primo era stato annullato per un vizio formale dalla Corte d’appello di Torino nel luglio scorso. Lo ha confermato l’amministratore unico della casa da gioco, Filippo Rolando, al termine dell’assemblea dei creditori che si è svolta in tribunale alle 14.30: l’adesione ad oggi è di circa “il 54 per cento” alla proposta della società.

In base al piano, è previsto il pagamento integrale dei crediti prededucibili, il pagamento integrale dei creditori privilegiati e “un soddisfacimento in misura, almeno, pari all’80%, per i creditori chirografari”, entro il 2024. L’adesione è avvenuta per la maggior parte in via elettronica. È di 21,3 milioni di euro il debito vantato dai 303 creditori. Ora spetta al Tribunale di Aosta definire il procedimento con l’omologa del piano concordatario. Lo riporta l’Ansa.