Il Tribunale di Como ha dato il via libera alla riapertura del Casinò di Campione, chiuso da quasi tre anni. Il Tribunale lariano ha infatti ammesso la domanda e il piano di concordato in continuità del Casinò depositati il 19 aprile.

I giudici hanno valutato positivamente il progetto di riapertura della casa da gioco predisposto dalla società Casinò di Campione e dal team di professionisti che ha affiancato la società.

Il piano è basato su una radicale discontinuità strategica, di governance e gestionale rispetto al passato. Un fondamentale elemento del piano di concordato è costituito da una maggiore flessibilità organizzativa e ridimensionamento dell’organico e relativo costo, collocandosi su livelli coerenti con l’andamento del mercato e confrontabili con quelli dei casinò svizzeri limitrofi di Lugano e Mendrisio. La società prevede di riaprire la casa da gioco entro fine anno, Covid permettendo, attraverso la riassunzione iniziale di 174 dipendenti.

È inoltre prevista l’esternalizzazione a operatori professionali delle funzioni non di base, tra cui ristorazione, gestione degli eventi e marketing. Lo riporta l’agenzia di stampa svizzera Keystone-SDA.