Guai per il titolare di un bar di Carpenedolo (BS), responsabile di gestire l’attività senza i permessi necessari per le slot machine e la somministrazione di bevande e alimenti.

Il gestore non aveva mai richiesto l’autorizzazione al Comune per l’installazione di videoterminali elettronici per il gioco d’azzardo. Ad aggravare la situazione anche l’assenza di licenza per la somministrazione di bevande e alimenti. La violazione ha portato alla chiusura dell’attività, che di fatto è stata considerata abusiva, e alla denuncia del precedente proprietario, il quale non aveva mai provveduto alla riconsegna della licenza alla Questura di Brescia, come previsto per legge.

L’Agenzia Dogane e Monopolio di Brescia ha emesso una sanzione salata nei confronti dell’attuale proprietario, di quello precedente e dei referenti della rete telematica connessa, per un totale di 21mila euro.