Sono tre i centri specialistici per il trattamento dei disturbi da gioco d’azzardo aperti ieri: a Cellatica, Lumezzane e Brescia. A gestirli tre cooperative: Il calabrone, Bessimo e Gaia, con il consorzio Gli acrobati. I tre centri offriranno servizio residenziale di diagnosi e definizione dell’esigenza (durata massima del trattamento 3 mesi), residenza breve e accompagnamento territoriale (6 mesi), trattamento residenziale fino a 18 mesi dedicato «a soggetti con bassa motivazione e scarsa compliance, associate a condizioni di abuso e sostanze psicotrope o condotte impulsive»; trattamento semi residenziale fino a 24 mesi.

L’approccio terapeutico è multidisciplinare e si avvale di un gruppo di lavoro composto da responsabile psicologo, medico psichiatra, educatori, assistente sociale, consulente legale e finanziario.