SCOMMESSE – Duro colpo nell’Agrigentino al fenomeno delle scommesse illegali. I funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli di Palermo, a seguito di una richiesta di intervento del Comando Stazione dei Carabinieri di Palma di Montechiaro, nella serata di venerdì 27 luglio hanno controllato una attività commerciale.

All’ingresso una normale caffetteria con vari tavoli ad uso della clientela ma in fondo alla sala una porta conduceva ad altre stanze adibite a Centro Elaborazioni Dati. Un centro scommesse di tutto punto totalmente illegale con un’offerta di gioco a 360 gradi: il titolare esercitava abusivamente senza la licenza rilasciata dalla competente Questura attività di scommesse sportive tramite l’installazione di n. 6 P.C. e, specificatamente, quella sulle corse virtuali dei cani per il tramite di n. 2 dispositivi.

Inoltre, n. 2 Totem collegati on-line, modificati in quanto privi di lettore ottico di cartamoneta, erano messi a disposizione degli avventori mediante la ricarica del credito in loco ed il pagamento delle vincite attraverso i crediti accumulati.

In altra stanza si accertava una apparecchiatura con doppio monitor touch screen che permetteva di effettuare scommesse su eventi di calcio ed un flipper non corrispondente alle caratteristiche previste dall’art. 110 del TULPS privo di qualsiasi titolo autorizzatorio. Infine un calcio balilla per il quale il gestore non ha esibito il pagamento dell’imposta sugli intrattenimenti per l’anno in corso.

Pertanto si è proceduto al sequestro ex art. 354 c.p.p. di tutte le apparecchiature ed il gestore del locale è stato denunciato per esercizio abusivo ed organizzazione di pubbliche scommesse sportive oltre che per gioco d’azzardo. Inoltre sono state contestate violazioni amministrative che prevedono l’irrogazione di sanzioni per oltre 80.000 euro, oltre al sequestro di circa 2.500 euro.

A seguito di tale attività, l’Ufficio procederà all’avvio del procedimento tributario nei confronti del soggetto accertato per il recupero dell’Imposta Unica evasa.

Commenta su Facebook