carabinieri
Print Friendly, PDF & Email

(Jamma) – Beni per 20 milioni sono stati sequestrati, in base alla normativa antimafia, ad un imprenditore di Bitonto (BA). I carabinieri hanno messo i sigilli a una discoteca, a società, pub, terreni edificabili, bar, ristoranti. L’uomo, che svolge la propria attività nel settore ludico-ricreativo, è indagato per reati contro il patrimonio e la persona.

Il provvedimento scaturisce dalle indagini patrimoniali condotte dal nucleo investigativo dei carabinieri e coordinate dalla magistratura antimafia: hanno consentito di accertare come il destinatario della misura avesse accumulato un ingente patrimonio immobiliare e aziendale, reimpiegando i capitali conseguiti illecitamente nel corso di decenni. È stato documentato che i beni sequestrati, intestati a congiunti, rientrino di fatto nella sua disponibilità, malgrado i modesti redditi dichiarati.

Sono stati sottoposti a sequestro una società operante nella gestione dei settori ludico-ricreativo, della ristorazione, un complesso di intrattenimento ricomprendente un bowling, un casinò per slot machine, bar, una discoteca. Sequestrati quattro rapporti di conto corrente bancario, un locale commerciale e 14 terreni edificabili.

Commenta su Facebook