Dopo tre anni e mezzo, finalmente, il Casinò Campione d’Italia è tornato ad assumere. In questi giorni sono stati reclutati i primi sessanta lavoratori che hanno superato i colloqui di selezione iniziati fin dalla scorsa settimana: i primi 36 hanno sono in forze al reparto slot machines e manutenzione, altri 24 si occuperanno del customer-service e accoglienza, gestione clienti Vip e amministrazione. Le selezioni proseguiranno a oltranza anche nei prossimi giorni per arrivare a coprire l’intera pianta organica, di 174 lavoratori, sulla base del concordato di continuità con l’avvallo del Tribunale di Como.

Sempre in quella sede si stabilì che la casa da gioco doveva riaprire entro fine anno, per questo l’amministratore delegato Marco Ambrosini sta procedendo a tappe forzate per riuscire a rispettare l’impegno: “Ormai è questione di giorni. Per il primo anno puntiamo a un fatturato di 40 milioni di euro”. Lo riporta ilgiorno.it.