azzardo

A partire da fine luglio nelle mense dei tre presidi ospedalieri di Asst Lecco, l’ospedale Manzoni di Lecco, il Mandic di Merate e l’Umberto I di Bellano, faranno il loro ingresso 3.000 tovagliette da pasto dedicate alla promozione del “gioco positivo”, sulle quali troveranno spazio il logo del progetto “Non giochiamoci il futuro” – progetto provinciale di contrasto al gioco d’azzardo realizzato con il finanziamento di Regione Lombardia e dei Comuni – e le indicazioni per accedere al Servizio che si occupa dei giocatori patologici.

L’iniziativa, che può contare sul sostegno economico della rete del Centro di Promozione della Legalità (Cpl), fa parte di una più articolata campagna di sensibilizzazione e informazione rivolta alla popolazione – realizzata in collaborazione con la ditta Dussmann che gestisce le mense – e rientra nell’ambito della programmazione del Tavolo di Coordinamento nato in seno al progetto provinciale “Non giochiamoci il futuro” al fine di sostenere le iniziative di sensibilizzazione, promozione, diffusione delle informazioni e fornire sostegno alle persone con problemi di gioco d’azzardo patologico e alle loro famiglie.

Si ricorda che all’interno dell’Asst di Lecco è attivo un Servizio specifico che segue in media 100 persone all’anno con problematiche complesse legate al gioco. I dati aggiornati al 30 giugno 2018 contano una sessantina di persone prese in carico dal servizio. Il Servizio Noa (Nucleo Operativo Alcologia) – attivo nell’ambito delle dipendenze tra cui appunto il gioco d’azzardo patologico – con sede in via Tubi 43, è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 17, tel. 0341 482651 – cell. 3669273480. Le persone direttamente interessate o i loro familiari vi si possono rivolgere per avere informazioni e affrontare il problema.

Commenta su Facebook