Gli studenti della 4 D indirizzo tecnico–grafico dell’istituto Zenale e Butinone di Treviglio realizzano un logo per combattere il fenomeno della ludopatia, disegnato sulle buste del pane.

Parte così la nuova campagna di sensibilizzazione e di informazione, attraverso 400mila sacchetti di pane con impresso il messaggio «stop al gioco d’azzardo patologico» che verranno distribuiti a tutti i panificatori della Bassa, da cui partirà la sperimentazione.

Pionieri del progetto – si legge su ilgiorno.it – la Risorsa Sociale di Gera D’Adda che coinvolge i 18 Comuni dell’ambito di Treviglio, in collaborazione con le scuole superiori dell’ambito, con capofila l’Isis Zenale e Butinone di Treviglio, l’Ufficio scolastico provinciale, l’Asst di Bergamo, la Cooperativa Itaca e l’Associazione panificatori Aspan.

«Sia l’Ambito del Comune di Treviglio – commenta il vicesindaco di Treviglio e Presidente di Risorsa Sociale, Pinuccia Prandina – sia Risorsa Sociale di Gera D’Adda hanno fatto un grandissimo lavoro nel contrastare il fenomeno dell’azzardopatia, che sta registrando numeri sempre più importanti. I casi di ludopatia nel corso di dieci anni si sono, infatti, decuplicati. L’8% della popolazione ultrasessantenne sembra essere quella più affetta dalla smania del gioco d’azzardo, anche se un’indagine sui più giovani evidenzia un’inclinazione al vizio sempre più preoccupante».