L’Amministrazione dei Monopoli di Stato conferma la collaborazione con la Guardia di Finanza nell’operazione che ha portato al sequestro di oltre 1.000 slot irregolari.
“ADM al fianco della Guardia di Finanza nel sequestro di oltre 1000 slot machine truccate. I controlli, partiti da Torino ed estesi in tutta Italia, hanno portato a centinaia di denunce per frode informatica”, sottolinea l’amministrazione.

Le indagini, condotte dai Finanzieri del Gruppo Torino e coordinate dal Procuratore Aggiunto Dott. Cesare Parodi della Procura della Repubblica del capoluogo piemontese, sono partite dalla denuncia di una multinazionale leader nel settore degli apparecchi da divertimento, che aveva riscontrato anomalie nel funzionamento di svariate schede prodotte e installate all’interno di slot machine, poi distribuite in tutto il Paese.

Gli accertamenti dei Finanzieri, che si sono avvalsi del supporto del personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e degli ingegneri informatici del partner tecnologico SOGEI S.p.A., hanno scoperto il sistema truffaldino, che, stando all’ipotesi investigativa, consisterebbe nella sistematica manomissione dei contatori fiscali delle schede di gioco Cristaltec, riducendo illecitamente le vincite erogate.