Il Consiglio dell’Agcom, il garante delle comunicazioni,  ha approvato la delibera sulle linee guida sul divieto di pubblicità dei giochi previsto dal Decreto Dignità.
Confermato lo stop alle sponsorizzazioni di maglia da parte delle società di gioco e a bordocampo, ai gadget, al “product placement” dei marchi nei film, all’organizzazione di eventi con premi e alla pubblicità redazionale. Secondo quanto riferito oggi da Repubblica sono satte escluse dal divieto le “pubblicità progresso” così come le insegne e le comunicazioni all’interno dei punti di gioco su quote e vincite. Per quanto riguarda lo svolgimento dell’attività di vigilanza l’Agcom si dovrebbe avvalere della collaborazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e della Guardia di Finanza. La delibera sarà pubblicata a breve sul sito dell’Agcom.