Un documentario cortometraggio realizzato da ADM e Venezia Ginko Film risultato di una intensa sinergia tra lo Stato e il Terzo settore per un progetto pilota di economia circolare

L’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli, ha realizzato, insieme al Dipartimento Amministrazione Penitenziaria e alla Fondazione Casa dello Spirito, il documentario cortometraggio “Metamorfosi: un canto del mare” che verrà proiettato mercoledì 31 agosto alle 14:30, in occasione della 79aMostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, presso lo spazio Regione Veneto/Veneto film Commission dell’Hotel Excelsior a Venezia.

Il documentario racconta le fasi dal progetto “Metamorfosi”, promosso dal Presidente della Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti, Arnoldo Mosca Mondadori e avviato con il Direttore Generale dell’Agenzia, Marcello Minenna e il Capo del Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, Carlo Renoldi, che intende attuare un piano pilota di economia circolare e di prospettiva per il reinserimento sociale.

La narrazione, sullo sfondo del fenomeno delle migrazioni, parte dall’attività di ADM impegnata nell’individuazione e recupero delle imbarcazioni abbandonate a Lampedusa dai migranti. I relitti del mare da cui sarà possibile recuperare il legname utile verranno successivamente devoluti al laboratorio di liuteria della Casa di reclusione Milano – Opera nel quale sono realizzati strumenti musicali. Alcuni degli strumenti costituiranno poi il primo quartetto d’archi che suonerà, su questi “strumenti del mare”, una sinfonia appositamente composta dal maestro Nicola Piovani.

Un esempio di economia circolare, ma soprattutto un circolo virtuoso che trasferisce le tragedie e le speranze dei migranti nelle mani esperte dei liutai detenuti, per trasformare il legno del viaggio in tanti strumenti musicali di un’orchestra, l’”Orchestra del Mare”, che evochi il suono della solidarietà, dell’accoglienza e dell’integrazione.

Articolo precedenteGiochi. D’Attis (FI): “Continuerò la mia battaglia per la sicurezza dei consumatori e la tutela dei lavoratori del settore”
Articolo successivoIppodromo Cesena Trotto: Resoconto del Premio Allevamento Folli