Pur nelle difficoltà che hanno caratterizzato il periodo a causa dell’emergenza epidemiologica, l’attività di ADM a Livorno, anche nel 2021, è stata di notevole spessore in tutti i settori di competenza, garantendo, oltre a un elevato livello di qualità dei servizi istituzionali, il raggiungimento di importanti risultati nei settori della lotta alla contraffazione, del contrasto al contrabbando, della tutela della sicurezza prodotti e delle accise.

Particolarmente incisiva è stata l’azione di contrasto alla contraffazione con oltre 25 mila pezzi sequestrati tra oggetti di vasellame, motoveicoli elettrici, maglioni, etichette e bottoni riconducibili a noti marchi risultati invece essere “falsi”.

Di rilievo anche i risultati nella lotta al contrabbando, con la scoperta di illecite importazioni di roulotte provenienti dagli Stati Uniti e di borse provenienti dalla Cina, con un recupero di diritti doganali per oltre 300 mila euro.

Significativi i sequestri effettuati in materia di sicurezza dei prodotti e falsa marcatura “CE” per un totale di quasi 200 mila articoli tra cuffie, auricolari, caricabatterie, fili e cavi coassiali o USB.

Decisamente interessante quanto realizzato nel settore della tutela dell’ambiente, con l’intercettazione di operazioni illecite di esportazione di rifiuti di varia tipologia, tra cui spicca il sequestro di 900 pezzi fra pneumatici usati, parti di auto, ciclomotori ed elettrodomestici.
Molto intensa l’attività anche in ambito accise col sequestro di un serbatoio di gasolio da 10 mc per capacità non conforme alla normativa, che ha portato all’accertamento di sottrazione al pagamento dell’accisa sui prodotti energetici per un valore di circa 178 mila euro mediante compensazioni indebite per ottenere sgravi fiscali e conseguente mancato versamento del tributo all’Erario.

In ultimo non si può non segnalare che con circa 1.000 attestazioni nel settore autotrasporto per la compensazione e il rimborso, ADM ha consentito di riaccreditare complessivamente 8 milioni di euro, assicurando così il dovuto supporto agli operatori, restituendo liquidità necessaria a contrastare gli effetti generati dall’emergenza pandemica.